“Dovremmo tenercelo stretto.” Alessandro Besselva Averame (IL MUCCHIO)

“La voce di Grillo si staglia su orchestrazioni complesse e umbratili come sospesa in bilico tra Jeff Buckley e De Andrè” Simone Bardazzi (ROCKERILLA)

“Vocalità flautata, arrangiamenti ricchi e solenni. Da prendere maledettamente sul serio.” Enrico Veronese (BLOW UP)

“Introspettivo. Oscuro. Maledetto. Onirico. Luccicante” Vladimiro Vacca (LOST HIGHWAYS)

“Voce angelica che oscilla tra Jeff Buckley e Rufus Wainwright” Cristian Zaffaroni (SHIVER)

“Elegante malinconia. Decadentismo lirico” Marco Salvador (ROCKSHOCK)

 

 

 

 

 

 
Back to top